Feed RSS

Leggendo Shakespeare…

Inserito il
 
Or if there were a sympathy in choice,
war, death, or sickness did lay siege to it,
making it momentany as a sound,
swift as a shadow, short as any dream,
brief as the lightning in the collied night,
that in a spleen unfolds both heaven and earth,
and -ere a man hath power to say "behold!"-
the jaws of darkness do devour it up,
so quick bright things come to confusion.
 
 
 
 
 
Perfino quando la scelta è concorde,
la guerra, la morte, la malattia assediano l’amore,
lo rendono momentaneo come un suono,
furtivo come un’ombra
fuggevole come un sogno,
breve come un lampo che in una notte nera,
ma, prima che si possa dire "guarda!"
le mascelle del buio l’hanno divorato,
così, in un istante, svanisce ogni cosa che brilla.
 
William Shakespeare – Sogno di una notte di mezza estate
 
 
Annunci

Informazioni su silykot

Nel mezzo del cammin della mia vita.... mi sono accorta che la tazzina può essere mezza piena! ;-)

»

  1. sei certa che quel che brilli poi possa svanire?

    Rispondi
  2. "Pensavo fosse amore invece era un calesse" (Massimo Troisi)

    Rispondi
  3. Sì, Fab. Anche quello che brilla purtroppo può svanire.@Lilla: ma lo vedi che sei dissacrante??? 😀 …. ma Troisi era un genio! 😉

    Rispondi
  4. condivido … Troisi era un grande!!! :)PS: dissacrante … uhmmmm … forse un pò \’disincantata\’ … 🙂

    Rispondi
  5. Disincantata credo di esserlo anche io, ormai… purtroppo.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: